In viaggio con Foco

rotoballeLa rivoluzione cristiana non fece complotti, non sovvertì istituti, non uccise tiranni: ma immise nell'organizzazione fatiscente del mondo antico, nella famiglia logora, negli istituti giuridici affetti da decrepitezza, nei rapporti sociali intossicati dalla cupidigia, un fermento nuovo: il fermento dell'amore, che li rigenerò: quello per cui, di colpo, davanti al padrone venne a trasfigurarsi la natura dello schiavo, davanti all'uomo assunse un valore nuovo la donna, davanti al greco e al romano s'avvicinò dalle sue distanze abissali il barbaro e l'operaio.

Igino Giordani in: «FIDES», febbraio 1943.

 

Ci volle una bellezza e una purezza superiore all'ideale umano perché l'uomo salisse sino a contemplare Maria. Fu lei che lo tirò su: e in quella contemplazione sbocciarono le aspirazioni più belle dell'anima, che cercarono di fermarsi in espressioni d'arte, le più alte mai raggiunte. La maternità, la tenerezza muliebre, la rassegnazione e la pietà trovarono in Maria un modello, e un alimento: e l'umanità ne nutre la sua passione più bella, nei momenti che più si solleva oltre la brutalità, per un impeto di divinizzazione.

 

Igino Giordani in: «FIDES», marzo 1938.

Stare ai campi, attendere alla vita delle piante, partecipare, dentro gli ampi silenzi, segnati dai cicli solari e lunari, all'opera di creazione della vita naturale, è compito, anch'esso, quasi sacerdotale, che vuole raccoglimento e sacrificio: vuole il coraggio di sapersi sentire a tu per tu con la propria anima, dentro l'aspettazione dell'universo e, nei contatti con la natura, che è un miracoloso vivaio, sapersi sentire, senza stramazzare, alla presenza di Dio.

Igino Giordani in: «FIDES», luglio 1938.

II cristiano cosciente - il santo - è uno che utilizza il tempo con una cura d'ogni attimo, sommando quante più opere nello spazio breve, per l'onore del Capo di casa, per il buon nome comune, per la salute dei fratelli. Questa attività, questo apporto, si chiama nel linguaggio corrente apostolato. Un cristiano che non ne fa, nei modi e nel tempo consentitigli, è un cristiano che ignora il suo posto nella Chiesa: che ignora la Chiesa. La Chiesa nell'atto che vive, agisce: fa azione. Noi diciamo fa azione cattolica. E questa si fa in mille modi: c'è posto per tutti. La può fare un poeta e la può fare un deficiente; un anacoreta e un cenobita, un capo di famiglia e un caposezione, il metropolitano in istrada e il ciabattino in bottega.

Igino Giordani in: «FIDES», ottobre 1938.

 

 

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.