In viaggio con Foco

E - come Eucaristia

Gesù non solo diede la sua vita per noi; ma ci lasciò la sua vita, permanentemente; in mezzo a noi, per comunicarcela di continuo....Tutto ciò è chiarissimo. Gesù darà un pane, per cui l'anima che se ne ciba non morirà; e questo pane è Lui stesso, carne e sangue .... I veri cristiani seguitavano a credere e ad amare l'Eucaristia, il sacramento che non solo ci dà la grazia, come gli altri sacramenti, ma ci dà Gesù Cristo medesimo, che è l'Autore della Grazia.

I. Giordani in: Gli sposi e la famiglia in Igino Giordani, Città Nuova, 2011, pag. 125-126.

F - come Fratello

Io sto nella vita per questo: per amare Dio. Ed io lo amo - e lo conosco - ­ordinariamente per la mediazione del fratello, sua immagine e somiglianza.

Questo è amare il fratello come Dio lo ama. «Amatevi come io vi ho amati». E vivere la vita di Dio è in pratica un convivere coi fratelli per convivere col Padre,unificando le nostre anime, secondo l'economia dell'incarnazione. «Se ci amiamo l'un l'altro Dio abita in noi» (Gv.4,12).

E allora sempre in religione si è: e ogni luogo è chiesa; e Dio è in ogni luogo. E il fratello è il dono fatto a me per permettermi di amare e conoscere Dio; quasi «sacramento» per cui viene Dio in me. Unendomi col fratello, con le sue pene, le sue miserie e anche le sue gioie, io stabilisco il circuito per cui passa l'amore; e cioè passa Dio. Ed entra con lui in me il paradiso.

I. Giordani: La divina avventura, Città Nuova, 1993 (1953), pag. 18-19.

G - come Gesù in mezzo

L'essenza del cristianesimo, sia ai fini della convivenza che della salvezza, sta nel mettere Gesù in mezzo a noi. Abbiamo citato il suo caposaldo: «Dove due o tre sono riuniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro» (Mt.18,20). Meditate, queste parole appaiono una nuova rivelazione (nella lettura del Vangelo ogni volta si scoprono verità inattese); una rivelazione tanto più straordinaria quanto più si scopre nella sua ingenuità evangelica.

I. Giordani: Difficoltà del cristiano oggi, Città Nuova, 1976, pag. 203.

I - come Incarnazione

L'incarnazione ha unito il divino all'umano, ha fatto l'uomo Dio. Orbene la famiglia prosegue l'incarnazione, non si limita a mettere in luce, in vita soltanto delle creature fisiche, ma anche delle anime, genera delle anime, genera un'opera divina, anime destinate all'eternità,anime che partecipano alla vita di Dio... La famiglia è fatta per creare vita, ma anche per partecipare l'amore divino, e qui sta il divino della famiglia: nell'amore.

I. Giordani in: Gli sposi e la famiglia in Igino Giordani, Città Nuova, 2011, pag. 118.

 

 

 

 

Centro Igino Giordani

Centro Igino Giordani

Via Frascati, 306 - 00040 Rocca di Papa (Rm) - Italia
Tel.: +390694798314 / Fax: +390694749320
> Scrivici

Chi e' online

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.