In viaggio con Foco

Santuario domestico della Chiesa

La famiglia

Tra le intuizioni geniali del Concilio Vaticano II, - genuine ispirazioni del Paraclito, - è stata quella di ricostituire la famiglia nella sua struttura umano-divina di comunità dell'amore e di centrale della vita, e nella sua efficacia di forza purificatrice e risanatrice sociale. Anche questa intuizione è valsa a ricollocare la famiglia nella sua essenza evangelica, nella sua origine teandrica e nel suo rapporto con Dio e l'umanità. (…) Ogni casa, se vi dimora lo Spirito Santo, diviene una piccola Chiesa - quella che il Concilio definisce una «chiesa domestica», -  da cui germoglia un arbusto di quella foresta che è la grande Chiesa.

I. Giordani in: Famiglia comunità d'amore, Città Nuova, 2001 (1970), pag. 23-24.

La famiglia è fatta di amore

La famiglia è fatta di amore ed è fatta per l'amore. (…) Se c'è l'amore, c'è vita; se manca l'amore subentra la morte. «Ama e fa' quello che vuoi»: questa verità vale, anzitutto, nell'ambito della casa, dove introduce una perenne novità, una rinascente primavera.

Esso tramuta in materiale di vita anche le sofferenze, così come Maria e Giuseppe indirizzarono alla redenzione anche la stalla di Betlemme, la fuga in Egitto, lo smarrimento di Gesù, le prove e le fatiche... Essa salva la famiglia, anche quando prove drammatiche, morbi e patimenti d'ogni sorta, penuria di mezzi, minacciano di schiantarla, ché. alla fine, anche sull'orlo della disperazione, chi vince è l'amore.

I. Giordani in: Famiglia comunità d'amore, Città Nuova, 2001 (1970), pag. 30-31.

I bambini

Non è tanto necessario educare i bambini a diventar presto grandi, quanto educare i grandi a sapersi fare – rifare - bambini, prima che si... rimbambiscano. Tutto questo la pedagogia sana, razionale, l'ottiene col coltivare il candore - come si dice - nei piccoli, affinché lo conservino anche da grandi. Ecco perché nei più dei santi c'è tanta infantile semplicità, la quale schiude loro facilmente le porte dell'Assoluto, mettendoli in frequente contatto con gli angeli e con lo stesso volto di Dio. Donde la gioia.

I. Giordani in: La repubblica dei marmocchi, Città Nuova, 2003 (1940), pag. 162.

Bisogna educare i bambini a formarsi una coscienza; educarli quindi alla libertà e responsabilità; prepararli alla convivenza, che esige riconoscimento dei diritti e bisogni degli altri. II Vangelo insegna a educare ogni creatura alla giustizia, all'amore, al lavoro, alla solidarietà, all'onestà. Non alla guerra, all'aggressione, all'invidia.... Nel bambino bisogna vedere Gesù.

I. Giordani in: Famiglia comunità d'amore, Città Nuova, 2001 (1970), pag. 55.

I nonni

I nonni rappresentano il passato, come i bambini rappresentano l'avvenire. I genitori, posti tra il passato e l'avvenire, si sentono sia stimolati sia prudentemente moderati e traggono una forza da questa correlazione, quasi compensazione fra le due età.

I. Giordani in: Famiglia comunità d'amore, Città Nuova, 2001 (1970), pag. 59.

 

 

Centro Igino Giordani

Centro Igino Giordani

Via Frascati, 306 - 00040 Rocca di Papa (Rm) - Italia
Tel.: +390694798314 / Fax: +390694749320
> Scrivici

Chi e' online

Abbiamo 38 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.