In viaggio con Foco

Donare è gioia, amore, anticipo di Paradiso

Politica

Tuttora a ciascuno di noi si pone il problema: «Come presterò il mio servizio allo Stato?». Ovvero: «Come, io, cristiano, mi comporterò in politica?». E la soluzione ciascuno deve trovarla a sé, da sé. Se la politica fosse cristiana dall'A alla Z il quesito non si porrebbe. Ma invece si tratta proprio di questo: di trasformare in cristiana la politica.

I.Giordani in: Il Quotidiano, 2 luglio 1944.

La ricchezza

Grande tentazione è la ricchezza per l'uomo; ma essa diventa materia grezza di merito spirituale se adoperata per opere buone, di cui la più immediata, sicura e remunerativa è l’assistenza ai poveri. – Chi dà ai poveri, dà a Cristo – : è questa la parola d’ordine dell'episcopato nell'ora del collasso. Le ricchezze diventano riscatto dell'anima – secondo il Vecchio Testamento – «perché – chiosa Sant’Ambrogio – chi dà ai poveri redime la propria anima». «Allora è buono il possedere quando produca frutti perenni». «La misericordia si semina in terra e germina in cielo; si pianta nel povero e germoglia in Dio».

I.Giordani in: Appello ai fratelli più ricchi, Edizioni liturgiche e missionarie, 1943, pag.72.

La povertà

Tu dai al povero del denaro, cioè materia; il povero dà a te gratitudine, cioè spirito; e questo, nella economia divina, vien segnato nel conto dei tuoi meriti. Non c'è quindi in realtà un dono, ma uno scambio; e se mai – aggiunge Sant'Ambrogio - «il povero dà a te più di quanto riceva, col divenire debitore a te della propria salvezza. Se vesti un nudo, vesti te stesso con l'abito della giustizia; se ospiti un forestiero, se accogli un miserabile, egli ti guadagna l’amicizia dei Santi coi tabernacoli eterni. Non si tratta davvero d'una ricompensa mediocre. Semini beni materiali e raccogli beni spirituali».

I.Giordani in: Appello ai fratelli più ricchi, cit., pag.72-73.

Le sofferenze

Non bisogna gettare le sofferenze nella spazzatura. La chimica estrae prodotti dai rifiuti; recupera ricchezze dal macero. La mistica estrae dalle lacrime – sopra tutto da esse – essenza di vita, soprannaturale ricchezza. C'è un insegnamento che s'è confinato alle anime privilegiate, e invece, perché riguarda il dolore, va esteso a tutte le anime addolorate, che sono le anime di tutti gli uomini: ed è quello secondo cui il soffrire di ciascuno s'aggiunge al soffrire di Cristo, per l'edificazione della Chiesa: e la Chiesa è il popolo completato nella sua vita dalla grazia. Se la nostra catastrofe l'affrontiamo con Cristo, noi eleviamo il popolo a dignità divina.

I.Giordani in: La rivolta morale, Capriotti, 1945, pag.118.

Centro Igino Giordani

Centro Igino Giordani

Via Frascati, 306 - 00040 Rocca di Papa (Rm) - Italia
Tel.: +390694798314 / Fax: +390694749320
> Scrivici

Chi e' online

Abbiamo 29 visitatori e nessun utente online

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.